Curiosità

Al via la Greenway delle Valli Resilienti

Print Friendly, PDF & Email

Promuovere un modello di turismo sostenibile e rigenerativo: è questo l’obiettivo della Greenway delle Valli Resilientila nuova ciclabile che si inaugura sabato 28 e domenica 29 settembre nelle Prealpi Bresciane. L’infrastruttura verde si propone di collegare le alte Valli Trompia e Sabbia con la città di Brescia al fine di attrarre i turisti amanti della bicicletta alla scoperta dei territori delle Prealpi bresciane, oggetto del progetto di rilancio territoriale AttivAree sostenuto da Fondazione Cariplo.

La Greenway offre 74 percorsi adatti a tutti i livelli e gradi di difficoltà tra MTB, Slow Bike e Road Bike. Tra i più suggestivi “il crinale”: un percorso mozzafiato di 70 km a 1.600 metri d’altezza e “l’anello”: un percorso su strada lungo 140 km che unisce le due valli. Lungo la Greenway, oltre ai punti di interesse storici, culturali, naturalistici, enogastronomici, che si snodano lungo i percorsi, si possono trovare le strutture ricettive bike-friendly messe in rete dal Circuito delle Valli Accoglienti e Solidali e confederate AlbergaBici che offrono ai cicloturisti vari servizi di supporto dal noleggio delle biciclette, al riparo e alla cura della bici, alla riparazione e assistenza, al trasporto e ad accompagnatori e guide turistiche.

“Il Programma AttivAree ha lo scopo di rigenerare i territori marginali attraverso la valorizzazione del loro patrimonio naturale, culturale e sociale. La Greenway ne è forse l’espressione più concreta: un’infrastruttura verde che fa da collegamento delle due valli con la città di Brescia; un ideale “ponte verso la città” che unisce le aree montane ai poli urbani di riferimento, tra i principali obiettivi del progetto – dichiara Elena Jachia, Direttore Area Ambiente Fondazione Cariplo, Responsabile Programma AttivAree – Valli Resilienti promuove le caratteristiche culturali, economiche, storiche di un popolo di montagna, resiliente per genetica; ed è un progetto che vede tra i protagonisti diversi soggetti del tessuto istituzionale e sociale. Rivitalizzare i collegamenti fra le valli era fra gli obiettivi che ci ponevamo e la bici oltre ad essere un eccellente mezzo di trasporto, ecologico e perfetto per valorizzare l’esperienza nelle Valli di residenti e visitatori, è anche volano per le diverse economie: agriturismi, attività di montagna, ecomusei, ristorazione, assistenza tecnica. Nell’ambito del Programma di rilancio delle aree interne prende dunque corpo una realtà che non solo risponde agli attuali trend del mercato turistico sostenibile, posizionando le due valli tra i territori di riferimento per il cicloturismo, ma attiva dei circuiti virtuosi di collaborazione e crescita sostenibile”.

La Greenway, oltre a raccordarsi con le proposte ricettive del Circuito delle Valli Accoglienti e solidali, si congiunge anche con alcune tra le più importanti azioni del progetto di rinascita delle due valli, come il Borgo di Rebecco o la ex-centrale idroelettrica di Barghe, due siti abbandonati che sono stati oggetto di rigenerazione e che diventeranno poli culturali, nonché punti di ristoro e accoglienza bike-friendly.

Tra i progetti che concorrono alla definizione della destinazione turistica si trova anche il Circuito delle Valli Accoglienti e Solidali, una rete turistica di servizi di accoglienza che si integra a due sistemi museali e ha lo scopo di potenziare l’economia sociale del territorio. Grazie al Circuito, è possibile rispondere ai bisogni del territorio in ambito agricolo, turistico e di commercio di vicinato nonché di estendere questa risposta ai visitatori configurandosi come centri multiservizio e punti di promozione del territorio.

“Il percorso che abbiamo intrapreso sotto l’egida di Fondazione Cariplo ci ha incoraggiato a sviluppare il progetto Greenway quale massima espressione delle nostre potenzialità: i lavori sono stati svolti nel rispetto dei principi di sostenibilità ambientale, senza consumo di ulteriore suolo, senza interventi impattanti o invasivi, riscoprendo, pulendo e sistemando sentieri o strade secondarie esistenti oppure creando nuovi tratti di pista ciclabile per raccordare quelli esistenti. – ha aggiunto Fabrizio Veronesi, Dirigente dell’Area Tecnica della Comunità Montana di Valle Trompia, capofila del progetto Valli Resilienti – Abbiamo lavorato in tandem con Fondazione Cariplo e in uno spirito di grande collaborazione fra i principali attori dei territori per organizzare un’offerta turistica ricca di un efficiente sistema di competenze e professionalità che ci annoverasse a pieno titolo nell’ambito del turismo esperienziale, di cui la Greenway è espressione compiuta”.

La Greenway delle Valli Resilienti oltre alla realizzazione e completamento dell’opera, ha previsto anche un lavoro di ricognizione e mappatura dei tracciati esistenti, la loro valorizzazione attraverso apposita segnaletica e la realizzazione del sito internet www.greenwayvalliresilienti.it.

Il lavoro di concertazione alla base della Greenway è forse la massima espressione della collaborazione fra le Valli e ben incarna il concetto di Resilienza che abbiamo sposato con Fondazione Cariplo. La pista ciclabile è stata tracciata, mappata, migliorata, costruita con instancabile dedizione e siamo ora alle battute finali della comunicazione e promozione. – ha spiegato Paola Antonelli, Responsabile progetto Greenway Programma AttivAree – La Greenway, con i suoi 3.500 km, offre 74 percorsi adatti a tutte le esigenze tra percorsi MTB, Slow Bike e Road Bike. Tra i più suggestivi “il crinale”: un percorso mozzafiato di 70 km a 1.600 metri d’altezza e un percorso su strada ad anello lungo 140 km che unisce le due valli e attraverso boschi, scorci di lago e borghi antichi permette una godibilità a 360 gradi del territorio. Annovera 9 tour specifici, differenziati per target e difficoltà, pensati per permettere di viaggiare con tour di 1,2,3 giorni che passano anche dalla cima del Monte Maniva fino alle rive del lago d’Idro (le due meraviglie naturali delle Prealpi Bresciane), e consente di guardare a un turismo sostenibile che passi anche dalla passione per la bicicletta e che possa accogliere tutti, dai professionisti alle famiglie con bambini”.

Di seguito, il programma della 2-giorni di inaugurazione:

Sabato 28 settembre / Inaugurazione Greenway [MTB]
L’inaugurazione del percorso MTB avrà luogo con una pedalata di gruppo accompagnata da Crone sul lago d’Idro, sede del villaggio a cui faranno base gli amanti della bici, sia essa e-bike o mountain bike.

Il villaggio sarà vivacizzato da intrattenimento e la conduzione di Luca Della Porta, noto conduttore specializzato in eventi sportivi. Saranno presenti anche degustazioni di prodotti locali, assistenza meccanica di supporto ai partecipanti la possibilità di noleggio di e-bike e MTB messe a disposizione dai numerosi negozi specializzati in bici della zona. Inoltre, sarà presente attività di animazione per grandi e piccini, con una gymkhana pensata per i bimbi e possibilità di usufruire del battello che sarà la conclusione perfetta della giornata con una scenografica traversata del lago.
In caso di maltempo, prevista la visita guidata alla magnifica Rocca d’Anfo, a fronte di una quota simbolica.

Alle 10:30 la registrazione per tutti i percorsi presso il villaggio a Crone di Idro, e dalle 11.00 alle 14.00 partenze in successione (ogni 30’ circa) in piccoli gruppi, composti da 15 persone al massimo, accompagnati da guide bike. 8 i km su cui si snoderà il percorso guidato da Crone a Idro, con vista sull’omonimo lago, per una durata di circa 2 ore; mentre un percorso più lungo di 25 km, di circa 4 ore, è in serbo per i più esperti.

Il percorso corto / 8 km in circa 2 ore è un itinerario MTB per adulti e adolescenti non esperti, alla portata di tutti, alla scoperta degli sterrati e dei sentieri nei dintorni dell’abitato di Idro. Il percorso sarà guidato, in sella a bici elettriche. Da Crone, si pedala lungo la strada asfaltata che porta in direzione Castel-antic, dove è prevista una sosta con visita al borghetto storico. Si prosegue su semplici sentieri sterrati fino alle cascatelle naturali del Monte Manos. Rientro su asfalto fino a Crone per pranzo o degustazioni presso i food truck presenti con prodotti tipici della zona sotto la tensostruttura di Idro.

Il percorso lungo / 25 km in circa 4 ore è un itinerario all mountain / enduro per adulti esperti, piuttosto impegnativo, su sterrati nei dintorni di Idro fino al Monte Stino, su asfalto e sterrato.
Il percorso sarà guidato, e in base alla preparazione del gruppo la guida valuterà se affrontare dei settori sterrati più impegnativi o continuare sul percorso designato. Raggiunta Bocca Cocca, inizia la discesa su single track che conduce fino alla spiaggia di Vesta per poi tornare a Crone, sul lungolago, lungo un sentiero adatto a biciclette biammortizzate con reggisella telescopico, molto divertente e mai troppo tecnico.
Rientro previsto a Crone per pranzo o degustazioni presso i food truck presenti con prodotti tipici della zona sotto la tensostruttura di Idro.

Domenica 29 settembre / Inaugurazione Greenway [SLOW BIKE]
La Greenway ha anche un lato Slow: la giornata di domenica 29 si apre con un ritrovo al parcheggio della Metro Prealpino di Brescia e prevede una scelta fra un percorso breve di circa 50 km, con partenza alle 9.00, che arriva al suggestivo Forno Fusorio di Tavernole e ritorno; e un percorso lungo di circa 70 km, con partenza alle 7.30, che tocca Bovegno, entrambi guidati da FIAB, Federazione Italiana Amanti della Bicicletta, Tavernole e rientro.

La sosta al Forno Fusorio di Tavernole è di grande bellezza e di forte valenza, dato il legame con la storia del ferro, tipico delle Valli e ancora oggi simbolo delle Valli Resilienti. Per questo motivo sarà organizzato un momento istituzionale presso il Forno Fusorio con la madrina Justine Mattera, volto noto della TV e dei social media appassionata di bicicletta. Il Forno Fusorio sarà allestito dalle 10:30 alle 15:00 circa come villaggio e punto di ristoro per tutti i partecipanti alla giornata, con una ciclo-officina d’appoggio per i ciclisti, momenti di intrattenimento, visite guidate al forno e alla chiesa di San Filastrio nonché degustazioni di prodotti tipici. Rientro previsto entro le ore 18:00 a Brescia.

Domenica 29 settembre / La Randonnée della Greenway [ROAD BIKE]
Il percorso Road si inaugura sempre il 29 settembre con una pedalata su base individuale in formula randonnée. Il percorso partirà anch’esso da Brescia percorrendo 140 km passando da Bovegno sino al Maniva scendendo da Idro sino a Brescia. Proprio della formula randonnée, il tempo è gestito secondo i propri ritmi: la partenza sarà libera dalle 7:45 alle 9:00 e durante la giornata il percorso sarà apprezzato nei punti di ristoro e con la possibilità di ammirare panorami di rara bellezza in totale libertà. Tipici della formula randonnée, i check point dove farsi apporre i timbri delle tappe della giornata: Bovegno, il monte Maniva, il lago d’Idro.
Punto focale, come per il percorso slow: il Monte Maniva, allestito dalle 10:30 alle 15:00 circa come villaggio e punto di ristoro per tutti i partecipanti alla giornata. Rientro previsto entro le ore 18:00 a Brescia.