Eventi

Autunno fa rima con grandi eventi in Valle d’Aosta

Print Friendly, PDF & Email

Per un break d’autunno, sono tanti gli appuntamenti da non perdere in Valle d’Aosta. Il ricco calendario degli eventi, in programma tra settembre e novembre, è l’occasione perfetta per scoprire la Regione, visitare i suoi borghi e castelli ai piedi delle vette alpine e conoscere da vicino le tradizioni e le eccellenze del territorio, nello splendido scenario autunnale.

Le désarpe – 29 settembre 2019
Dopo un’estate negli alpeggi di alta montagna, la tradizione vuole che le mucche facciano ritorno alle stalle a fondo valle durante la cosiddetta désarpa, una ricorrenza tradizionale molto sentita che coincide conla festa di San Michele. La transumanza ha luogo in diverse località della Valle d’Aosta, ma meritano di essere viste quelle di Valtournenche e Cogne, dove la comunità accoglie festosa, tra musiche folcloristiche e danze, la sfilata delle mandrie. È un avvenimento di festa e divertimento per gli allevatori ma anche per tutti i valdostani e i visitatori.
“Lo Pan Ner” – il pane delle api – 5 – 6 ottobre 2019
All’inizio dell’inverno, nei villaggi valdostani, era tradizione cuocere in forni comunitari il pane nero, che la famiglia avrebbe conservato e consumato durante tutto l’anno. Per rivivere questa antica pratica, oltre 50 comuni riaccenderanno i propri forni per cuocere il pane di segale, simbolo della vita d’altri tempi, permettendo ai visitatori di gustarlo appena sfornato. Inoltre, a cornice dell’evento, si svolgeranno esposizioni, degustazioni ed eventi all’insegna della convivialità.Festa delle mele – 6 e 12 – 13 ottobre 2019
La prima domenica di ottobre, a Gressan, si celebra la festa delle mele, il frutto più coltivato della Regione; in questa occasione, il miglior produttore locale verrà premiato da una giuria di esperti del settore. Il weekend successivo, nel centro storico di Antey-Saint-André, si tiene invece la mostra-mercato “Melevallée” dedicata alle mele e al sidro. Durante le manifestazioni i produttori locali delizieranno il palato dei visitatori con gustose specialità prodotte con le diverse qualità del frutto.

Marché au fort – 13 ottobre 2019
Ai piedi del suggestivo Forte di Bard, avrà luogo il tradizionale mercato di prodotti enogastronomici, interessante vetrina dei sapori valdostani, che i visitatori potranno degustare, acquistare e scoprire guidati dagli oltre ottanta produttori locali che illustreranno le proprie specialità. Non mancheranno intrattenimento e animazione per il divertimento di grandi e piccini, che si troveranno circondati dalle bellezze della Valle.

Bataille de Reines – 20 ottobre 2019
Nell’Arena Croix Noir, ad Aosta, avrà luogo la gara finale di una delle più antiche e sentite tradizioni valdostane. Si tratta della Bataille de Reines, una manifestazione in cui le bovine qualificatesi durante le fasi eliminatorie svoltesi in estate, si fronteggiano per stabilire quale è la “regina” dell’anno. Si tratta di una battaglia incruenta ed istintiva per le bovine, che sono gravide al momento degli incontri, che serve a stabilire la gerarchia nella mandria.
La manifestazione è una vera e propria festa tra gli allevatori, che si tramanda di generazione in generazione: le “Reines” infatti, produttrici di latte, sono l’asse portante dell’economia della regione e per questo, la competizione è un’importante espressione della tradizione e del folklore della Valle d’Aosta.

XXV concorso ‘Mieli della Valle d’Aosta’ – 25 – 27 ottobre 2019
Nell’ultimo weekend di ottobre, Châtillon ospiterà la tipica sagra del miele e dei prodotti derivati, che attira ogni anno numerosi visitatori. In questa occasione sarà possibile percorrere un viaggio tra i diversi metodi di produzione del miele nel corso della storia e conoscere gli attrezzi utilizzati dagli apicoltori per creare questa dolce prelibatezza.

Vins Extrêmes – 30 novembre – 1 dicembre 2019
Il maestoso Forte di Bard torna protagonista a fine novembre di questo evento alla presenza di produttori vinicoli provenienti dalle zone dell’arco alpino che esporranno i propri vini provenienti dalla cosiddetta viticoltura eroica, una coltivazione estrema di vini autoctoni realizzata in ambienti incontaminati ad alta quota, con particolari condizioni climatiche che rendono unico il prodotto finale. Sarà la perfetta occasione per degustarne la peculiarità e conoscerne le particolari tecniche di produzione, partecipando a tavole rotonde, laboratori e convegni.