Innovazione Aerea

Boeing riprenderà la produzione di aeroplani commerciali a Puget Sound

Print Friendly, PDF & Email

Boeing riprenderà tutta la produzione di velivoli commerciali in un approccio graduale nelle sue strutture della regione Puget Sound la prossima settimana, dopo aver sospeso le operazioni il mese scorso in risposta alla pandemia di COVID-19. In tutti i suoi siti, la società ha adottato ulteriori precauzioni e ha istituito procedure globali per proteggere le persone e combattere la diffusione di COVID-19.

“La salute e la sicurezza dei nostri dipendenti, delle loro famiglie e comunità è la nostra priorità condivisa”, ha affermato Stan Deal, presidente e CEO di Boeing Commercial Airplanes e dirigente del Pacifico nord-occidentale. “Questo approccio graduale garantisce una base di approvvigionamento affidabile, i nostri dispositivi di protezione individuale sono prontamente disponibili e abbiamo tutte le misure di sicurezza necessarie per riprendere il lavoro essenziale per i nostri clienti.”

Circa 27.000 persone nell’area di Puget Sound torneranno alla produzione dei programmi 747, 767, 777 e 787, a supporto di infrastrutture di trasporto globali critiche, servizi di trasporto merci e missioni di difesa e sicurezza nazionali. Il programma 737 riprenderà a funzionare per riavviare la produzione del 737 MAX. Boeing South Carolina rimane attualmente in una sospensione delle operazioni. All’inizio di questa settimana Boeing ha riavviato principalmente le attività di produzione della difesa nella regione con circa 2.500 persone.

I dipendenti del Puget Sound per il 737, 747, 767 e 777 torneranno già dal terzo turno il 20 aprile e la maggior parte torneranno al lavoro entro il 21 aprile. I dipendenti del programma 787 torneranno già dal terzo turno il 23 aprile, con la maggior parte tornare al lavoro entro il 24 aprile.

Le pratiche dell’azienda rafforzano la pulizia, la salute dei dipendenti e l’allontanamento fisico in collaborazione con i dipendenti. Allineate con la guida federale e statale, queste pratiche includono:

  • Orari di inizio turno scaglionati per ridurre il flusso di lavoro in arrivo e in partenza dei dipendenti
  • Controlli visivi come marcature del pavimento e segnaletica per creare distanza fisica
  • I rivestimenti per il viso saranno un requisito per i dipendenti dei siti Boeing a Washington. I dipendenti sono fortemente incoraggiati a portare la propria maschera procedurale o la copertura del viso; coloro che non hanno una maschera disponibile ne riceveranno una.
  • Fornire i necessari dispositivi di protezione individuale ai dipendenti che lavorano in aree in cui la distanza fisica non può essere mantenuta per un lungo periodo
  • Chiedere ai dipendenti di eseguire controlli di salute prima di andare al lavoro e di rimanere a casa in caso di malattia
  • Controlli del benessere dei dipendenti all’inizio di ogni turno e screening volontario della temperatura in molti luoghi di produzione
  • Contattare la traccia quando un dipendente risulta positivo per COVID-19 per ridurre il rischio per i compagni di squadra
  • Continueranno a fare riunioni virtuali e dipendenti che possono lavorare da casa
  • Trasporti e aree comuni adeguati per l’allontanamento fisico
  • Disponibili stazioni per il lavaggio delle mani nelle aree ad alto traffico e altri prodotti per la pulizia

Le misure rafforzate continueranno fino a quando le condizioni non consentiranno il ritorno ai normali lavori e processi di pulizia. La Boeing continuerà a monitorare le linee guida del governo su COVID-19, a valutare l’impatto sulle operazioni aziendali e ad adeguare i piani all’evolversi della situazione.