Istituzioni

EASA, le prime regole per operazioni sicure con droni nelle città europee

Print Friendly, PDF & Email

L’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea (EASA) ha pubblicato la prima visione in tutto il mondo sull’uso e il controllo dei droni in un ambiente urbano, bilanciando il desiderio di massimizzare i vantaggi commerciali e di convenienza dei droni contro la necessità di garantire la sicurezza e la privacy dei cittadini e il potenziale impatto ambientale sulle nostre città.

Cerchi fantastici
La sfida dell’integrazione dei droni negli ambienti urbani è che queste aree sono già densamente utilizzate dal traffico terrestre, da altri tipi di traffico aereo – come aerei commerciali, altri servizi di aviazione civile e polizia o servizi di elicotteri ospedalieri – e anche persone preoccupate dal rumore, la privacy e la possibilità di voli di basso livello che causano lesioni accidentali.

Il termine “spazio U” è stato adottato per descrivere la gestione del traffico aereo senza pilota per garantire l’interazione sicura con altre entità che utilizzano lo stesso spazio in qualsiasi luogo, non solo nelle aree urbane.

“Stiamo già iniziando a vedere un numero crescente di voli complessi intrapresi da droni in vari esperimenti in tutto il mondo. Inoltre, come tutti sanno, molte aziende hanno l’ambizione commerciale di utilizzare i droni per le consegne o, guardando oltre, di offrire servizi come i taxi aerei “, ha affermato Patrick Ky, direttore esecutivo dell’EASA.

“Questa opinione propone un quadro normativo che consentirà a tali servizi di coesistere con tutte le altre attività nei nostri ambienti urbani. L’obiettivo è garantire operazioni sicure, creando al contempo le basi per un mercato competitivo dei servizi nello spazio U e stabilendo un livello di protezione ambientale, sicurezza e privacy accettabile per il pubblico “.

Il parere, presentato alla Commissione europea come base per la futura legislazione, stabilisce il primo blocco per la creazione dello spazio U in Europa. Lo scopo iniziale è lo spazio aereo di basso livello, lo spazio aereo urbano densamente popolato e le località vicine all’aeroporto, senza tentare di coprire lo spazio aereo in altre aree. L’AESA prevede di ampliare la portata man mano che il mercato si sviluppa e si acquisisce esperienza.

Un esempio delle misure che propone è un servizio di informazione comune per lo scambio di informazioni essenziali. Ciò offrirebbe ai fornitori di servizi nello spazio U, ai fornitori di servizi di navigazione aerea e agli altri partecipanti allo spazio aereo U l’accesso agli stessi dati sul traffico e alle stesse restrizioni dello spazio aereo. Ciò aiuterà gli operatori di droni a pianificare ed eseguire i loro voli in sicurezza, sapendo esattamente dove e quando il loro drone è autorizzato a volare.

Insieme al parere, l’AESA ha pubblicato una prima serie di bozze di contenuto di mezzi accettabili di conformità (AMC) e materiale di orientamento (GM) a supporto degli operatori di droni e degli Stati membri dell’UE nel rispetto delle nuove norme. L’AMC e il GM definitivi saranno pubblicati dall’AESA una volta che la Commissione europea avrà adottato il regolamento e una volta completata la necessaria consultazione con le parti interessate.