Curiosità

Golf a Mauritius: un’unica isola, un’intera gamma di imperdibili opportunità

Print Friendly, PDF & Email

Torna l’appuntamento annuale con AfrAsia Bank Mauritius Open. Il torneo celebra il suo quinto anniversario e vedrà i grandi campioni fronteggiarsi in un’appassionante sfida, che si svolgerà dal 5 all’8 dicembre 2019: quattro intense giornate dedicate al green presso l’Heritage Golf Club, uno dei campi da golf più belli dell’Oceano Indiano, situato all’interno dell’idilliaco Domaine de Bel Ombre e circondato da cime vulcaniche e da una laguna turchese.

Mauritius è una destinazione d’eccezione per gli amanti del golf: vanta dieci campi da 18 buche e tre da 9 buche, ciascuno con un’incantevole vista sull’Oceano Indiano o su uno degli angoli verdi e lussureggianti dell’isola. Non manca, inoltre, una prospettiva storico-culturale: il golf fu infatti introdotto a Mauritius nel 1844, durante il dominio britannico, dagli ufficiali della Royal Navy, stanziati vicino a Vacoas; qui sorge il Gymkhana Golf Club, il più antico campo da golf dell’isola e dell’Oceano Indiano. Decisamente più recente è invece, sulla costa ovest, il Tamarina Golf Club, aperto dal 2006 e progettato da Wright Golf Design.

Dirigendosi verso le Morne, è d’obbligo una tappa al Paradis Golf Club: sovrastato dalla maestosa cima di Le Morne Brabant (Patrimonio dell’Umanità UNESCO e simbolo della liberazione dalla schiavitù), il campo è lambito su un lato dalle acque cristalline della laguna

Ispirato alla legendaria isola di Avalon, l’omonimo campo da golf progettato da Peter Matkovich è situato sulle pendici del vulcano dormiente di Grand Bassin, a 500 m sul livello del mare e circondato da piantagioni di tè. Sempre Matkovich ha curato il progetto di Mont Choisy Le Golf, nella parte settentrionale dell’isola. Oltre alle facilities per il golf, è il luogo ideale per rilassarsi dopo una partita sorseggiando un “Kitsoz“, un rinfrescante drink a base di pompelmo ispirato al famoso “Chose” creato dal leggendario René Lacoste, tennista e golfista francese.

Sulla costa est sono numerosi i punti di interesse per gli amanti del golf: Golf Legend è all’interno di un bellissimo parco in cui vivono splendidi cervi che, quando le temperature si alzano, fanno il bagno negli specchi d’acqua che circondano il campo, mentre Links ha una propria Golf Academy con istruttori professionisti e qualificati; estremamente ricco di panorami spettacolari è anche il Four Seasons Golf Club, con una vista eccezionale sull’Oceano Indiano.

La celeberrima Ile aux Cerfs offre un’altra esperienza imperdibile: l’omonimo campo da golf è stato oggetto di un importante lavoro di rinnovamento nel 2013, per valorizzarne la fruibilità ma anche i già incantevoli scenari.