Compagnie Aeree

Intervista esclusiva a Valeria Rebasti (Country manager Volotea) – 2a parte

Print Friendly, PDF & Email

Ecco la seconda parte dell’intervista a Valeria Rebasti, Commercial Country Manager Italy & Southeastern Europe di Volotea.

La prima è consultabile cliccando qui.

Ringraziamo ancora una volta la dott.ssa Rebasti e l’ufficio stampa.

 

Cosa vi differenzia dalle altre compagnie aeree?

La mission di Volotea è quella di collegare tra loro le città di medie e piccole dimensioni con voli diretti, comodi ed economici. Volotea vuole cambiare il modo di viaggiare low cost, offrendo un buon servizio e un’esperienza inappuntabile, pur mantenendo tariffe accessibili a tutti. Uno dei punti chiave di Volotea è quello di operare esclusivamente con tratte dirette, evitando di fare scalo nei grandi hub, facendo così risparmiare denaro e tempo ai propri passeggeri.

 

Nelle prospettive future c’è l’idea di creare programmi di fidelizzazione con altri vettori, al fine di offrire ai passeggeri voli a lungo raggio?

Al momento no, ma mai dire mai!

 

Dopo Venezia, Verona, Genova, Palermo e Cagliari, avete intenzione di stabilire una nuova base nel nostro Paese, magari nel centro Italia?

Abbiamo recentemente annunciato di aver scelto Napoli come nostra sesta base italiana. Dal 2020, baseremo presso lo scalo napoletano 2 Airbus A319. Da Napoli sarà possibile decollare verso 22 destinazioni, 11 delle quali in esclusiva, per un’offerta totale di 1.000.000 di biglietti in vendita per il prossimo anno, 150.000 in più rispetto al 2019. Possiamo contare su un totale di 16 basi in Europa.

 

È nei piani della compagnia aerea quella di poter offrire ai passeggeri italiani nuovi collegamenti verso Paesi ancora non coperti (es. Regno Unito, Polonia, Turchia e altri)?

Lavoriamo sempre a stretto contatto con gli aeroporti per offrire ai nostri passeggeri numerose nuove rotte. Al momento non c’è ancora nulla di definito a riguardo.

 

Qual è la Vostra politica del bagaglio?

Offriamo la possibilità di portare gratuitamente a bordo un bagaglio del peso massimo di 10 kg (55 cm in altezza, 40 cm in larghezza e 20 cm di profondità), insieme a una borsa più piccola che può misurare fino a 35 cm di altezza, 20 cm di larghezza e 20 cm di profondità. Inoltre, è possibile imbarcare bagagli fino a un massimo di 20 kg.

 

Quali sono le prospettive per il futuro, sia per l’Italia che per il resto dei Paesi d’Europa?

Il nostro obiettivo è quello di crescere e conquistare sempre più quote di mercato, sia in Italia sia nei Paesi in cui siamo presenti con i nostri collegamenti. Vogliamo offrire ai nostri passeggeri un volume sempre maggiore di collegamenti tra aeroporti di medie e piccole dimensioni.

FINE