Compagnie Aeree

Le azioni di IAG per affrontare l’impatto finanziario di COVID-19

Print Friendly, PDF & Email

La rapida diffusione di COVID-19 e le relative restrizioni e consulenze sui viaggi del governo stanno avendo un impatto significativo e sempre più negativo sulla domanda di traffico aereo globale su quasi tutte le rotte gestite dalle compagnie aeree IAG.

Ad oggi IAG ha sospeso i voli verso la Cina, ridotto la capacità sulle rotte asiatiche, cancellato tutti i voli da e verso l’Italia e apportato varie modifiche alla nostra rete.

L’annuncio presidenziale degli Stati Uniti per limitare l’ingresso di cittadini stranieri che sono stati in paesi dell’area Schengen, Regno Unito e Irlanda ha aggiunto l’incertezza sulle rotte del Nord Atlantico. Inoltre, molti altri paesi hanno vietato o stanno limitando i viaggi verso l’interno tra cui Argentina, Cile, India e Perù. Anche la Spagna è stata oggetto di consulenze di viaggio, ad esempio dall’Ufficio degli affari esteri e del Commonwealth (FCO) del Regno Unito.

Lo IAG sta implementando ulteriori iniziative in risposta a questo difficile contesto di mercato. La capacità, in termini di chilometri disponibili disponibili, nel primo trimestre 2020 dovrebbe ora essere ridotta di circa il 7,5% rispetto allo scorso anno. Per aprile e maggio, il Gruppo prevede di ridurre la capacità di almeno il 75% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Lo IAG sta inoltre prendendo provvedimenti per ridurre le spese operative e migliorare il flusso di cassa. Questi includono la messa a terra di velivoli in eccedenza, la riduzione e il differimento della spesa in conto capitale, la riduzione della spesa informatica non essenziale e non cibernetica, il congelamento delle assunzioni e delle spese discrezionali, l’implementazione di opzioni di congedo volontario, la sospensione temporanea dei contratti di lavoro e la riduzione dell’orario di lavoro.

Data la continua incertezza sul potenziale impatto e sulla durata di COVID-19, non è ancora possibile fornire una guida agli utili accurata per l’intero anno 2020.

Il Gruppo ha una forte liquidità con liquidità, mezzi equivalenti e depositi fruttiferi per 7,35 miliardi di euro al 12 marzo. Inoltre, gli strumenti finanziari non utilizzati e garantiti garantiti da aeromobili ammontano a € 1,9 miliardi, con una liquidità totale di € 9,3 miliardi.

Willie Walsh, amministratore delegato di IAG, ha dichiarato: “Abbiamo assistito a un sostanziale declino delle prenotazioni attraverso le nostre compagnie aeree e la nostra rete globale nelle ultime settimane e prevediamo che la domanda rimarrà debole fino all’estate. Stiamo quindi facendo riduzioni significative dei nostri programmi di volo. Continueremo a monitorare i livelli della domanda e abbiamo la flessibilità di effettuare ulteriori tagli, se necessario. Stiamo inoltre intraprendendo azioni per ridurre le spese operative e migliorare il flusso di cassa in ciascuna delle nostre compagnie aeree. IAG è resiliente con un bilancio solido e una liquidità sostanziale. ”

Alla luce delle circostanze eccezionali che l’industria aeronautica si trova ad affrontare a causa di COVID-19, e in particolare della situazione in via di sviluppo in Spagna, è stato deciso che Luis Gallego continuerà nel suo ruolo di amministratore delegato di Iberia per i prossimi mesi a guidare la risposta in Spagna. Nel frattempo, Willie Walsh continuerà ad agire come amministratore delegato del Gruppo e Javier Sanchez rimarrà in carica come amministratore delegato di Vueling.

Antonio Vázquez, presidente di IAG, ha dichiarato: “Mentre rispondiamo a COVID-19, Willie, Luis e il consiglio di amministrazione di IAG hanno deciso che la stabilità gestionale in tutto il Gruppo dovrebbe essere una priorità nel breve termine. Siamo grati che Willie abbia accettato di ritardare la sua pensione per un breve periodo in questo momento difficile. “