Curiosità

L’Italia torna protagonista del turismo maltese

Print Friendly, PDF & Email

Il ministero del Turismo e della Tutela dei Consumatori di Malta unitamente a MTA – Malta Tourism Authority, ha accolto con grande soddisfazione l’annuncio fatto dal Primo Ministro Robert Abela.

Altri 6 Paesi sono stati aggiunti all’elenco delle destinazioni i cui turisti potranno raggiungere Malta dal prossimo 1° luglio, quando l’aeroporto internazionale tornerà operativo.

 

Non solo. Tutte le restrizioni di volo su tutte le altre destinazioni saranno revocate il 15 luglio.

Malta quindi si avvia a passo spedito verso la riapertura totale del Paese in totale sicurezza.

 

I Paesi aggiunti oggi, all’elenco dei primi 19 (Germania, Austria, Sicilia, Cipro, Svizzera, Sardegna, Islanda, Slovacchia, Norvegia, Danimarca, Ungheria, Finlandia, Irlanda, Lituania, Israele, Lettonia, Estonia, Lussemburgo e Repubblica Ceca) che dal 1 ° luglio potranno portare i propri turisti a Malta in tutta sicurezza sono: l’Italia (tranne, fino al 15 luglio come sopra menzionato, Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte), Francia (tranne Ile de France), Spagna (ad eccezione di Madrid, Catalogna, Castiglia-La Mancha, Castiglia e Leon), Polonia (ad eccezione dell’aeroporto di Katowice), Grecia e Croazia.

Israele, incluso nell’elenco originale è stato adesso rimosso.

Importante sottolineare che tale elenco sarà monitorato regolarmente e rivisto se necessario sulla base dell’andamento eventuale della diffusione del virus

 

Il ministro del Turismo e della Tutela dei Consumatori, Julia Farrugia Portelli, ha voluto ribadire come l’apertura dell’aeroporto sarà fondamentale per il rilancio del settore turistico e, quindi, dell’economia dell’intero Paese: “il lavoro svolto negli ultimi mesi dalla pubblica amministrazione e dal settore privato, per sanificare e mettere in sicurezza il nostro Arcipelago, ha fatto di Malta una delle mete più sicure a livello internazionale. Per questo siamo pronti ad accogliere i nostri turisti per poter finalmente uscire da questa fase e rilanciare le sorti economiche di Malta”.

 

Per rilanciare il settore sono previste attività di marketing mirate e importanti incentivi per attrarre turisti. Gavin Gulia, Chairman di MTA, ha affermato: “con questi ulteriori 6 Paesi aggiunti ai precedenti, il comparto turistico maltese, unitamente a quello del ricettivo, può finalmente iniziare a recuperare, dal prossimo 1° Luglio, con maggiore velocità il terreno perduto. Noi di MTA – ha puntualizzato Gulia – faremo tutto quanto è in nostro potere e nelle nostre capacità per sostenere le parti interessate nello sforzo di riguadagnare il livello di arrivi turistici antecedenti la crisi globale”

 

L’annuncio fatto dal Primo Ministro Abela giunge sulla scia della dichiarazione fatta la settimana scorsa in sede di Commissione Europea, con cui si chiedeva una graduale revoca dei divieti di viaggio all’estero dei singoli Stati a partire dal 1 ° luglio. Ed in effetti un numero significativo di paesi dell’UE ha già revocato le restrizioni sui viaggi.

 

Il Primo Ministro ha anche annunciato che l’emergenza sanitaria pubblica, dichiarata a causa della pandemia COVID-19, verrà revocata. Ciò significa che tutti i decreti di legge relativi alle restrizioni COVID-19 saranno cancellati, incluso il divieto di raduni di oltre 75 persone.

 

La distanza sociale, le norme di igiene e l’uso della mascherina, dove necessario, restano invece consigliati per tutti, residenti e visitatori.