Curiosità

Prosegue il ripristino degli accessi ai siti culturali italiani

Print Friendly, PDF & Email

Prosegue il ripristino degli accessi ai musei, parchi archeologici, archivi e biblioteche del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, sulla base delle disposizioni previste dal Dpcm del 17 maggio 2020. Hanno riaperto anche le Gallerie Nazionali di Arte Antica Palazzo Barberini e Palazzo Corsini, il Parco Archeologico dell’Appia Antica a Roma, il Museo Archeologico Antica Kaulon a Monasterace, il Museo del Territorio a Palazzo “Nieddu del Rio” a Locri e l’Archivio di Stato di Massa in Toscana.

 

In questi giorni sono inoltre tornati accessibili la Villa Regina a Boscoreale, il Museo Archeologico Nazionale “G. Carettoni” e l’area archeologica di Casinum a Cassino.

 

Orari e modalità di apertura sono verificabili sui siti internet dei singoli istituti culturali, mentre al link http://www.beniculturali.it/luoghiaperti è possibile ricercare i luoghi della cultura finora tornati accessibili al pubblico.