Compagnie Aeree

Qantas, l’impatto del Coronavirus

Print Friendly, PDF & Email

Il gruppo Qantas ha delineato l’impatto dei clienti e dei dipendenti di un forte calo della domanda di viaggi innescato dalla risposta della sanità pubblica alla crisi del Coronavirus.

· Qantas e Jetstar sospenderanno i voli internazionali di linea a partire dalla fine di marzo, seguendo gli ultimi consigli di viaggio del governo; alcuni servizi ad hoc in corso possibili.

· Riduzione del 60% ai voli nazionali, incentrata sulla frequenza di taglio.

· Due terzi dei dipendenti devono essere temporaneamente dimessi per conservare il maggior numero possibile di posti di lavoro a lungo termine.

· Pagamento del dividendo degli azionisti di $ 201 milioni differito fino a settembre 2020.

All’inizio di questa settimana, Qantas e Jetstar hanno annunciato tagli al 90% dei voli internazionali e circa il 60% dei voli nazionali. Con il governo federale che raccomanda ora contro tutti i viaggi all’estero dall’Australia, i voli internazionali regolarmente programmati continueranno fino alla fine di marzo per facilitare il rimpatrio e saranno quindi sospesi almeno fino alla fine di maggio 2020. Come vettore nazionale, Qantas è in discussione con il governo federale sulla continuazione di alcuni collegamenti strategici.

Più di 150 velivoli saranno temporaneamente messi a terra, inclusi tutti gli A380, i 747 e i B787-9 di Qantas e i B787-8 di Jetstar. Sono in corso discussioni con gli aeroporti e il governo sui parcheggi per questi aerei.

Le connessioni nazionali, regionali e merci essenziali saranno mantenute il più possibile.

La flotta di mercantili di Qantas continuerà ad essere pienamente utilizzata. Alcuni aeromobili passeggeri nazionali saranno anche utilizzati per voli di sola spedizione per sostituire la capacità persa dai normali servizi di linea. Non vi è alcun impatto sulle operazioni di Qantas Loyalty a seguito dell’annuncio di oggi.