Innovazione Aerea

Softeco e Fincons si aggiudicano contratto quadro con EASA

Print Friendly, PDF & Email

TerniEnergia, smart company quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, comunica che la digital company del Gruppo, Softeco Sismat, in partnership con Fincons S.p.A., ha vinto la gara bandita da EASA (European Aviation Safety Agency) con base a Colonia per lo sviluppo di una nuova piattaforma per la sicurezza dei trasporti aerei basata sul refactoring del sistema ECCAIRS.

Il frame-work contract di durata triennale (2019-2021) prevede l’assegnazione dei lavori a tre differenti raggruppamenti, per un importo complessivo di Euro 3,5 milioni.

Il raggruppamento formato da Softeco e Fincons S.p.A., azienda di consulenza informatica di respiro internazionale, si occuperà dello sviluppo e realizzazione della nuova piattaforma che sarà denominata ECCAIRS 2.0 (in breve E2).

Il refactoring dell’attuale versione di ECCAIRS (European Coordination Centre for Accident and Incident Reporting Systems) in una versione totalmente nuova, sfruttando le più recenti tecnologie, costituisce l’obiettivo principale del progetto E2. La decisione è stata assunta dalla Direzione generale della Commissione europea DG Move, che trasferirà la gestione della suite ECCAIRS dal Joint Research Centre (JRC) di Ispra (Varese) all’EASA a partire dal 2020.

Softeco Sismat, digital company del Gruppo TerniEnergia (che nel suo processo di turnaround industriale punta in maniera decisa anche sui settori dell’emobility, della gestione sostenibile e sicura dei trasporti e della digitalizzazione ed elettrificazione della filiera della mobilità), ha sviluppato, a partire dal 1995, la piattaforma originale ECCAIRS. Si tratta di una soluzione composta da differenti applicazioni, con funzionalità avanzate realizzate per assistere gli Enti di trasporto nazionali ed europei nella raccolta, condivisione e analisi delle loro informazioni di sicurezza al fine di migliorare la sicurezza del trasporto aereo civile, sotto l’egida del Joint Research Centre (JRC) di Ispra (VA).