Curiosità

Sultanato dell’Oman in continua ascesa

Print Friendly, PDF & Email

Meta del momento, prediletta da viaggiatori amanti della cultura, del mare, della natura incontaminata e delle attività outdoor, oltre che dagli estimatori dell’Oriente, natil Sultanato dell’Oman continua la sua ascesa. 

Secondo i dati recentemente diffusi dal Ministero del Turismo, il Paese ha registrato nei primi nove mesi dell’anno un incremento degli arrivi del +17%, accogliendo nel complesso 1.199.243 visitatori internazionali.

Popolarità in costante crescita anche in Italia, che mantiene salda la posizione di quarto mercato europeo per numero di arrivi, dopo Gran Bretagna, Francia e Germania. Nel periodo che va da gennaio a settembre 2019 sono stati infatti 33.692 i nostri connazionali che hanno visitato il Sultanato (+17% rispetto allo stesso periodo del 2018), a seguito del trend positivo del 2018, che già aveva fatto registrare un incremento importante, con un totale di 46.655 arrivi contro 39.982 nell’anno precedente.Considerando i dati registrati nel 2018, anno nel quale abbiamo conseguito una crescita del 16.7% e i recenti dati dei primi nove mesi del 2019, la chiusura di quest’anno è stimata intorno ai 57.000 italiani a destinazione con un incremento di circa il 16% rispetto all’anno precedente.

Siamo entusiasti dei risultati ottenuti sul mercato italiano, che continua a crescere e a mantenere una grande popolarità. Questa notorietà si traduce in un’offerta diversificata di prodotto, perfetta per il viaggiatore culturale, le famiglie, i top spender ma anche i millennial amanti della natura che viaggiano in gruppi o da soli. – commenta Massimo Tocchetti, presidente AIGO e rappresentante per l’Italia dell’Ufficio del Turismo del Sultanato dell’Oman – Un risultato frutto dell’ideazione di una strategia finalizzata a promuovere la destinazione verso la clientela leisure individuale e verso i gruppi di profilo medio/alto mossi da interessi culturali. A ciò si affianca un approccio mirato verso i viaggiatori che praticano attività sportive e trovano in Oman un calendario di eventi internazionali che spazia dalla vela alla corsa, dalla bici al kite-surf, al trail e alle maratone.– continua Tocchetti – Un forte impulso alla crescita del nostro mercato è stato dato dall’operazione su Salalah, che coinvolge grandi operatori quali Alpitour, Eden Viaggi, Turisanda e Veratour; nonchè dall’aumento delle connessioni dirette di Oman Air. Attualmente possiamo contare su 11 voli diretti da Malpensa per Muscat operati da Oman Air e confermati anche per la stagione invernale. Importante è anche l’operazione di voli diretti su Salalah, attiva dal mese di ottobre fino a maggio 2020 ad opera di NEOS. Nel totale avremo una disponibilità di posti arei su voli diretti pari al + 25% rispetto allo scorso anno. Inoltre, possiamo contare su numerosi collegamenti operati da Emirates, Turkish Airlines, FlyDubai, Pegasus, Etihad e Qatar Airways, in partenza da numerosi aeroporti italiani”.

Oltre a mantenere alta la visibilità verso il consumatore con campagne online – in collaborazione con LastMinute.com, Edreams e il gruppo Alpitour – e attività sui social media, l’ufficio del turismo supporta gli operatori con azioni volte agli aggiornamenti sul prodotto tramite educational organizzati in cooperazione con la Oman Air e alcuni DMC, quali Arabica Orient Tour, Magic Arabia e Zahara Tours; con operazioni formative e di incentivazione alle vendite, in collaborazione con operatori sulla destinazione quali Mistral – Quality Group e Original Tours. A ciò si affianca uno sviluppo di prodotto mirato ai viaggiatori che praticano attività sportive e trovano in Oman un calendario di eventi internazionali che spazia dalla vela alla corsa, dalla bici al kite-surf, dal trail alle maratone.

Il Sultanato vive un momento di grande splendore e raccoglie apprezzamenti a livello globale. A conferma di ciò, di recente si è classificato al terzo posto tra i Paesi più sicuri al mondo in base agli indicatori del “Rapporto sulla Sicurezza” del World Economic Forum (WEF); è inserito nelle top 10 dei ranking mondiali in termini di qualità della vita, agio economico, accoglienza e collaborazione (fonte: Times of Oman).