Aeroporti

Al via la terza edizione del Marconi Music Festival

Print Friendly, PDF & Email

Cinque appuntamenti dal 23 maggio al 10 dicembre 2019, per intrattenere i viaggiatori in partenza dall’Aeroporto di Bologna.

Si tratta del Marconi Music Festival, la rassegna musicale dello scalo bolognese. Un’iniziativa culturale unica volta a portare la musica in mezzo alla gente e ad aprire nuove possibilità di rapporto tra artisti e pubblico.

Tutti i concerti, a ingresso gratuito, si terranno nella Marconi Business Lounge, situata al primo piano del Terminal Passeggeri.

Per chi non è in transito dall’aeroporto, potrà partecipare al concerto prescelto, prenotando il proprio posto via mail (ufficiostampa@bologna-airport.it) o via telefono (0542 25747, dal lunedì al venerdì). Un cartellone che, anche quest’anno, propone musicisti e programmi all’insegna della qualità ma soprattutto della varietà.

Martedì 30 luglio, ore 18, è la volta dei Callisto Quartet, quartetto d’archi vincitore del Primo Premio e della Medaglia d’oro al prestigioso Fischoff National Chamber Music Competition 2018, nato nel 2016 in seno al Cleveland Institute of Music, per volontà di quattro giovani strumentisti che condividono la passione per la musica da camera. In programma due caposaldi della letteratura per quartetto d’archi: il Quartetto n. 1 di György Ligeti “Metamorfosi notturne” e il Quartetto op. 95 di Beethoven.

Protagonisti del concerto di mercoledì 4 settembre, alle ore 18.00, sono invece Maurizio Barbetti virtuoso di fama internazionale della viola e Donato D’Antonio noto maestro del chitarrismo classico e colto. Insieme presenteranno “Around”, un originale progetto formato da una sequenza di composizioni che la dicono lunga sulla loro libertà espressiva: dallo Spiegel im Spiegel di Arvo Pärt al cosiddetto Arpeggione di Schubert fino alla Sonata Concertata di Niccolò Paganini.

Martedì 29 ottobre, sempre alle 18.00, la Business Lounge ospita un gradito ritorno: la performance in solo di Danilo Rea grande musicista apprezzato a livello internazionale e tra i pianisti che maggiormente hanno segnato la scena jazz in Italia, capace di muoversi dalla canzone d’autore italiana agli evergreen internazionali, dall’operistica agli standard jazz. Per questa occasione proporrà brani e improvvisazioni dai suoi ultimi progetti in solo, partendo da Johann Sebastian Bach e spaziando dalla tradizione jazzistica alla classica, dalla musica barocca al pop, mescolando generi e suggestioni.

Chiude la terza stagione del Marconi Music Festival, martedì 10 dicembre ore 18.00, un giovane ed eclettico talento del violoncello, definito da La Stampa “un’autorevolezza compositiva”, Lamberto Curtoni. Classe 1987, allievo di Giovanni Sollima, Curtoni affianca alla fortunata attività di violoncellista anche quella di compositore. Ha al suo attivo regolari collaborazioni con Piergiorgio Odifreddi, Concita De Gregorio, Philippe Daverio, oltre ad aver aperto i concerti di Franco Battiato e aver lavorato con vari registi e coreografi teatrali tra cui Valter Malosti, Federica Fracassi e Matteo Levaggi. Alla Marconi Business Lounge porterà Vox Celli, un programma con brani tratti dal repertorio gambistico di autori quali Tobias Hume e Domenico Galli che include anche un pezzo dello stesso Curtoni e alcune canzoni dei Beatles.